LA CINA ACCUSA MC DONALD’S DI FOMENTARE L’INDIPENDENZA DI TAIWAN

di MARIETTO CERNEAZ E’ guerra totale fra cinesi e indipendenza di Taiwan. La situazione è tesa sino al punto in cui anche un McDonald’s finisce al centro della polemica. I nazionalisti cinesi, infatti, accusano McDonald’s di aver promosso un annuncio pubblicitario a Taiwan per sostenere l’indipendenza dell’isola autogovernata. L’annuncio riguarda un panino per la colazione, trasmesso ovviamente solo a Taiwan, che mostra uno scorcio di due secondi la carta d’identità di una donna che elenca la sua nazionalità come “Taiwanese”, anziché cinese. I commenti sulle bacheche internet di lunedì scorso accusano, dunque, la famosa catena di hamburger di aver violato la legge cinese, sostenendo l’indipendenza di Taiwan, che Pechino rivendica come parte del suo territorio (Vedi qui articoli in merito). Alcuni hanno già chiesto il boicottaggio della catena di ristoranti e l’espulsione dalla Cina. Altri hanno ricordato che McDonald’s, le cui concessioni sul continente sono di proprietà di un gruppo che include tra gli investitori anche il governo cinese. “McDonald’s questo è quello che vuoi…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo