sabato, Luglio 2, 2022
33.3 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

L’assedio non fermò venezia, correva l’anno 1848

Da leggere

veneziadi REDAZIONE

Non è un libro, almeno, non ne ha le sembianze. È una cartelletta, di quelle da ufficio, contenente 47 pagine stampate a colori per mezzo di un computer. Di là dall’apparenza, racconta un importante capitolo del Risorgimento.

Dietro vi sono Antonello e Maria Isabella Cerruti, che hanno firmato “I volantini volarono” (40,00 euro). Il lavoro è dedicato ad un argomento poco battuto dai filatelisti, anche per via della difficoltà nel conoscere e reperire il materiale, ormai vero e proprio cimelio storico.

Bisogna tornare alla Prima guerra d’indipendenza, quindi tra il 1848 ed il 1849, nella Venezia che poi sarebbe stata assediata dagli austriaci. Protagonisti sono i manifestini approntati in città per comunicare con l’esterno e per propagandare le proprie ragioni.

Allo scopo di superare il blocco ed importare ad esempio beni alimentari, vennero impiegati contrabbandieri e barcaioli. Ma i messaggi probabilmente furono diffusi per via aerea, utilizzando i palloni aerostatici, esattamente come si fece a Milano durate le Cinque giornate. “Non disponiamo -scrivono gli autori- di prove sicure, ma perché non pensare che anche a Venezia fossero usati gli stessi mezzi o qualche cosa di simile? Sappiamo invece che gli austriaci assedianti conoscevano ed usavano questi mezzi e che i veneziani avevano pronte delle contromosse adeguate”.

Il materiale, illustrato, è tratto principalmente dalla collezione “Quando la storia era cronaca”. Ampia la parte storica, che aiuta a comprendere meglio il contesto. (vaccarinews)

——————————————————-

LIBRI E CATALOGHI

L’assedio non fermò Venezia

Prima guerra d’indipendenza: gli austriaci bloccarono gli accessi alla città, ma questa resistette. E cercò di comunicare con l’esterno

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti