L’INDIPENDENTISMO VENETO COME MINACCIA PER LO STATO ITALIANO

di ALESSANDRO MORANDINI Rapporto reale tra stato italiano ed indipendentismo Il rapporto tra stato italiano e libertà dei Veneti è sostanzialmente conflittuale; proprio per questo motivo una soluzione per prendere le decisioni collettive che vincolano entrambi i soggetti a comportarsi in un determinato modo è quella di negoziare. Sono esempi di negoziazione riuscita tra stato italiano ed indipendentismo veneto la decisione collettiva (presa da un sindaco insieme al leader dei manifestanti) di interrompere la manifestazione ad una certa ora e di non permettere ai partecipanti di un corteo di raggiungere una certa zona. Nell’ambito della negoziazione il sindaco o il prefetto ricorrono, non esplicitamente, alle minacce costituite dall’uso delle forze dell’ordine e dalla denuncia alle autorità giudiziarie; il leader di un gruppo ricorre alla minaccia di provocare disordini o, più precisamente, di disobbedire ed occupare liberamente il territorio pubblico senza tenere in conto le norme giuridiche che ne regolano l’utilizzo. Il rappresentante dello stato italiano promette di consentire ai manifestanti di esibire il proprio desiderio…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche PensieroLibero