domenica, Agosto 7, 2022
28.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

L’italia è corrotta ed irriformabile, resta solo l’indipendenza

Da leggere

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

La situazione dell’area vasta (ex-provincia) Belluno-Dolomiti è al collasso. Il tracollo economico e funzionale di vaste fette dei servizi pubblici è imminente, dove non già conclamato. L’azione politica del movimento che rappresento da anni evidenzia come la distanza tra le parole ed il disastro sia  in termini di tempo: si tratta solo di definire il quando!

Il catastrofismo non ha nulla a che fare con le nostre predizioni. Ci limitiamo a leggere i fatti, fuori dalle logiche della politica partitica che rimpallandosi le responsabilità distraggono dal problema vero: non c’è più tempo!

In montagna le cose accadono prima. Da sempre il bellunese è laboratorio socio-politico di interesse nazionale. Qui ora chiude Veneto-strade e l’ente provinciale è in bancarotta. La popolazione cala di 1500 unità all’anno (su 200.000 totali)… le imprese peggio. Non serve essere maghi per capire che il problema sta nella struttura di governo centrale e non nella casacca partitica.

Tra un paio di mesi verremo ricoperti di spot elettorali: centro-destra, centro-sinistra, liste civiche… che importa? I continui tagli ai trasferimenti da Roma si alternano esclusivamente con gli aumenti delle tasse per Roma. Nessun tipo di politica per i territori. Ed i territori più deboli soccombono. Già 5 anni fa, alle scorse amministrative bellunesi, lo dicevamo. Si vuol continuare a credere che la soluzione per il bellunese stia nel rilancio turistico del territorio o nella banda larga? Avanti, rilanciamo: è sempre colpa dei territori che non si ingegnano abbastanza! Tra i 600 ed 800 i milioni di euro che ogni anno regaliamo al governo centrale. Sono soldi nostri, prodotti qui in una montagna piena di problemi e di colpe. Qui dove uno stato baro ed assassino invece di agevolare, ruba, tenendo per sé ciò che è nostro. Lo abbiamo detto 2 anni fa “Legge Delrio olocausto delle Dolomiti”: sta succedendo!

Sono anni che urliamo che l’Italia è corrotta ed irriformabile, ma la denuncia viene sempre declinata in una questione di casacche: la destra e la sinistra… e con la scusa dei comunisti e dei fascisti, si passa oltre. Non c’è più tempo! Meno di un anno fa dicevamo “Perché l’area-vasta non diventi area-devastata”: la devastazione è in atto! Le legioni di Carabinieri, i Questori, i Prefetti… accusano noi indipendentisti di essere nostalgici della Serenissima, ma nei nomi e nei fatti i governanti italiani si rifanno alla peggior Roma imperiale: dividi et impera… e magna!

L’emorragia della questione veneta, si sta coagulando nel freddo delle Dolomiti ed i nostri grandi Sindaci alzano la testa insieme, minacciano di cedere la simbolica fascia tricolore al Prefetto. I Primi Cittadini col simbolo dovranno cedere le competenze e farsi commissariare. Se vorranno essere incisivi, dovranno cercare ed attuare una soluzione vera, che vada oltre la gestione dell’emergenza, diventata ormai uno strumentale format utile ai Prefetti.

La soluzione sarà quella di lavorare per poter indossare una nuova fascia. L’alternativa alla morte certa italiana, è l’indipendenza veneta. Un Veneto confederato di territori sostanzialmente indipendenti, i cantoni come in Svizzera. Per risolvere i gravi problemi della montagna e gestire quelli che stanno per esplodere in pianura.

Nota tecnica: la fascia coi colori del Veneto indipendente la posso fornire io. Più di qualcuno lo ha già fatto.

Massimo Vidori                                                                                             

1° Consigliere Nazionale di Indipendenza Veneta    

- Advertisement -

Correlati

7 COMMENTS

  1. Se volete il quesito da chiedere ad un legale potrebbe essere questo:
    – Quando si nasce per lo stato italiano diventiamo solo delle PERSONE GIURIDICHE O FISICHE.
    Vero o falso ?
    – Lo stato italiano non ci riconosce come ESSERI UMANI sin dalla nascita.
    Vero o falso ?
    – Le persone GIURIDICHE O FISICHE sono debitori a vita nei confronti dello stato italiano.
    Vero o falso ?
    – Gli ESSERI UMANI sono creditori a vita dagli stati nazionali ( italiano in questo caso)
    Vero o falso ?
    Quando avrete queste risposte, allora capirete che ci si può guadagnare l’indipendenza seguendo una strada incredibile. Singolarmente……….per poi ritrovarsi tutti ESSERI UMANI VENETI e liberi dallo stato italiano.
    WSM

  2. Ritengo che la maggioranza dei Veneti siano d’accordo sull’indipendenza del Veneto.
    Purtroppo i diversi movimenti indipendentisti esistenti oggi nel Veneto, ben oltre una ventina, anziché cercare un punto di convergenza o almeno aiutarsi e quindi fare massa per il raggiungimento dell’indipendenza, ognuno segue proprie strategie, iniziative per più disparate e via discorrendo. Oggi è il momento di stare uniti, assieme.
    Quando avremo guadagnato la nostra indipendenza, allora ci si potrà dividere per presentarsi ai Veneti con programmi diversi e diverse visioni dello Stato Veneto con le sue Istituzioni.
    Se, sino ad oggi, poteva anche starci di avere diversi movimenti indipendentisti con chi perseguiva la strategia di raccontare la storia della Serenissima, chi cercare ( ma è illusorio ) di seguire la via democratica ed ottenere dallo stato italiota la possibilità di far esprimere il Popolo Veneto sull’indipendenza…….andata buca, chi cerca strade che sembrano diversificate e vincenti, ma richiedono tempi biblici e non è scontato che servano per l’ottenimento dell’indipendenza, chi persegue la via della belligeranza….a parole e per iscritto, ma nella pratica è illusorio andare contro lo stato italiano che si è sempre dimostrato violento con tutti coloro che anche con innocenti o simbolici atti ( Serenissimi, Tanko, Polizia Veneta, etc…etc..) volevano semplicemente esternare la propria voglia di libertà e di indipendenza dallo stato italiano sempre pronto a togliere e mai a dare.
    Pertanto poiché l’autodeterminazione dei Popoli fanno capo ai diritti dell’uomo, è solo per via internazionale che si deve agire, ma nello stesso tempo anche internamente allo stato italiano ci si può autodeterminare singolarmente…….( poi ci ritroveremo in molti…) cambiando il nostro status all’interno dello stato italiano.
    Sto parlando di riappropriarci dello status di ESSERE/I UMANO/I con una propria autocertificazione depositata al protocollo del comune di residenza e successivamente crearsi un Trust personale affinché lo stato italiano non abbia più potere giuridico su di noi essendo ESSERE UMANO.
    Molti lo stanno facendo o lo hanno già fatto. Per saperne di più…..; http://www.popolounico.org
    Sono dei semplici cittadini, privati, che hanno studiato e trovato la strada per togliere di mezzo lo stato italiano che rimane ancora il nostro padrone, ma per poco se tutti i Veneti lo faranno.
    Adesso lo sapete come fare per ottenere l’indipendenza del Veneto senza aspettare il DEFAULT italiano o altre stramberie inutili che i Veneti non capiscono e quindi non seguono.
    Per ottenere seguito di massa serve CREDIBILITA’ e per ottenerla dai Veneti bisogna essere un unico soggetto, forte, preparato, determinato con persone disinteressate e che credano fermamente all’indipendenza.
    WSM

  3. Una soluzione “cantonale” stile Svizzera, con un “cantone Lombardia” e un “cantone Veneto” autonomi e indipendenti significherebbe Inevitabilmente una guerra civile (stile Jugoslavia dopo Tito). Si può essere disposti – o meno – ad accettarla: ma evitarla non sarebbe possibile.
    Presupposto indispensabile di una guerra di quel tipo sarebbe una sufficiente consapevolezza e determinazione popolare identitaria (“guerra di popolo” stile Croazia) che francamente non riesco neanche lontanamente a immaginare: neanche in Veneto, e certamente non in Lombardia. Pertanto stiamo parlando di aria fritta… Sarebbe bello, ma non è neanche ipotizzabile. Mi dispiace.

    • i presupposti nel Veneto ci sono già tutti avendo nella primavera del 2014 fatto un referendum, autogestito dal popolo e non dai politici, che ha visto il voto del 64 per cento degli aventi diritto e tutto documentato e certificato OSCE… ma il percorso per arrivare alla piena attuazione dell’indipendenza è complesso e in itinere… durò anni anche per gli Stati uniti che si staccarono dall’Inghilterra… sei anni dopo la proclamazione dell’indipendenza!
      Speriamo che sia più veloce per noi… Quando si scelgono vie non cruente e ci si appella al diritto di autodeterminazione dei popoli si spera oggi legittimamente che sia la strada giusta… e confidiamo di arrivare alla meta!… per ora teniamoci informati consultando il sito Plebiscito.eu.

      • Giusto! Gli Stati Uniti… E infatti l’indipendenza se la sono conquistata con anni di (sanguinosa) guerra (e solo con l’aiuto francese). La Storia, cara Caterina, è una grande maestra.

  4. il referendum per l’indipendenza del Veneto da Roma l’abbiamo già fatto a marzo 2014… è necessaria un’accelerata per attuarla…siamo alla Corte di Strasburgo e ora a quella ONU de l’Aja… ma si sa, sono dei burocrati anche lì… comunque nel frattempo ci si sta organizzando… io, infatti, ho già in tasca la mia carta d’identità veneta che l’ufficio anagrafe mi ha rilasciato … vedere su Plebiscito.eu… c’è chi l’ha già usata al confine… ma serve per restare nella nostra terra, non per espatriare!
    caterina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti