lunedì, Settembre 26, 2022
22.2 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

L’Ue è una tirannia: lo dimostra l’attacco all’Ungheria contro la propaganda LGBT

Da leggere

di EUGENIO CAPOZZI

L’aggressione di gran parte dei paesi dell’Europa occidentale e delle principali istituzioni dell’Unione europea all’Ungheria in odio alla legge – approvata con larghissima maggioranza dal parlamento di quel paese – che intende proteggere i minori dalla pornografia e dalla propaganda Lgbt è la più chiara dimostrazione di come il blocco di potere dell’Ue sia ormai strutturalmente autoritario, dominato da ferrei dogmi ideologici, nemico delle libertà e dei diritti naturali dell’uomo su cui i suoi governi dovrebbero fondarsi.

Il punto fondamentale che fa letteralmente andare in bestia le élites continentali in un provvedimento che, al contrario di quanto esse propagandano, non mette minimamente in discussione la libertà sessuali di nessuno, è quello efficacemente sottolineato dal premier magiaro Viktor Orbàn in risposta alle contestazioni: il parlamento del suo paese vuole innanzitutto difendere la libertà di educazione delle famiglie, riaffermare che della formazione dei figli sono titolari i genitori, non lo Stato o altri poteri.

È proprio questo che l’autoritarismo ideologizzato che oggi domina l’Ue non può sopportare. Le sue prede principali sono infatti proprio i minori, bersagli privilegiati della martellante propaganda Lgbt, ormai onnipresente nei media, nell’intrattenimento e nella scuola, e che provvedimenti come il Ddl Zan vogliono istituzionalizzare e rendere obbligatoria.

Come ogni ideologia, il relativismo “diversitario” divenuto dottrina ufficiale delle classi dirigenti “progressiste” (ma non solo) occidentali pretende di strappare i figli all’influenza delle famiglie per darli in pasto al Leviatano e trasformarli in docili strumenti del potere vigente, militanti della “causa”.

Questa deriva inquietante ci dice che ormai chiunque voglia rimanere fedele ai principi liberali, democratici, universalisti e all’esigenza di limitare il potere in nome della libertà non ha che due scelte rispetto all’Ue: o letteralmente rivoluzionaria dall’interno, abbattendo l’attuale blocco politico-ideologico che la domina, o uscirne, a somiglianza del Regno Unito, per salvaguardare la libertà altrove.

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. La “unione-europea” del XXI Secolo è la metastasi della “Unione-Sovietica” del XX Secolo, e farà la stessa fine. Con una differenza = la URSS fu una tragedia che terminò con una farsa; la “u-e” è una farsa che probabilmente terminerà con una tragedia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti