ANNESSIONE AGLI USA, PORTORICO VOTA SÌ. MA I REPUBBLICANI NON LI VOGLIONO

di MARIETTO CERNEAZ Ne cominciammo a parlare 5 anni fa (vedi qui), oggi possiamo dirlo con contezza: Porto Rico potrebbe diventare lo Stato il 51° degli Usa. Solo due barriere si contrappongono a questa opzione: primo, il voto popolare non vincolante rende la strada verso l’annessione piena di ostacoli; il secondo, è di ordine economico: sia il parlamento americano che Donald Trump non hanno intenzione di accollarsi il salvataggio pubblico dell’isola, nota come la Grecia dei Caraibi (73 miliardi di dollari di debiti accumulati); terzo, il colore politico di Porto Rico, che se è mezza fallita è ovviamente grazie alla prevalenza democratica. Comunque sia, l’ex colonia spagnola ha portato a termine la consultazione volontaria sul tema. Erano tre le opzioni da siglare nelle urne: 1- Adesione agli Usa (97% dei consensi); 2- Mantenere lo status quo (1,5% dei consensi); 3- Chiedere l’indipendenza (1,3% dei consensi). Il valore politico del referendum, però, è stato inficiato dal boicottato di tutti i partiti di opposizione e l’affluenza è stata ridicola: un elettore su quattro,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo