PUIGDEMONT: “PER L’INDIPENDENZA SONO DISPOSTO AD ANDARE IN GALERA”

di CARLO CAGLIANI Ieri, Puigdemont ha ribadito – davanti a tutti i media internazionali – che è “disposto ad anadare in galera piuttosto che rinunciare all’iniziativa referendaria del 1 Ottobre prossimo”. Ciononostante, la magistratura – sulla quale conta molta Mariano Rajoy – ha già detto che sia Carl Puigdemont che il governo Catalano e Carmen Forcadell dovranno rispondere del reato di “disobbedienza”, per via della loro ostinata volontà di voler continuare a non rispettare le norme costituzionali”. Uno dei reati di cui sono accusati accusati è “malversazione di fondi pubblici”, che prevede fino a 8 anni di carcere. Il Tribunale – su denunce avanzate qualche giorno fa – investigherà il governo catalano ed i suoi membri e il capo di governo indipendentista, che non solo rischia di finire dietro le sbarre, ma rischia anche di essere sospeso a vita e di dover pagare multe pesantissime. Non a caso, il Tribunale ha anche chiesto che agli indagati venga imposta una fidejussione (garanzia economica) per pagare di propria tasca in caso di…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Rubriche FuoriDalMondo