ELEZIONI REGIONALI, SIAMO CHIAMATI AD ELEGGERE SCONOSCIUTI

di ENZO TRENTIN A giorni l’elettorato sarà chiamato ad eleggere dei perfetti sconosciuti. Si prenda ad esempio il Partito dei Veneti, sedicente neonata formazione che vanta – dopo decenni di “barufe cioxote” – d’essere riuscito a riunire sotto di sé ben dieci formazioni autonomiste, federaliste e indipendentiste. Ebbene questi partiti sembrano essere abbastanza scarsi di proseliti. Un paio di constatazioni giusto per comprendere la questione. Nella lista dei candidati che chiedono la fiducia dell’elettorato a Rovigo, c’è un solo Consigliere comunale di minoranza a Melara (nel 2017 sono stati censiti 1799 abitanti). Un candidato residente nel veronese (che è anche capolista a Verona). Una candidata residente a Vicenza, in lista anche a Belluno. Quest’ultima nelle precedenti elezioni regionali del 2015 era candidata nella lista Indipendenza Noi Veneto Con Zaia, ottenendo 1 voto. Il suo? Insomma uno solo autoctono, e tre candidati per cinque seggi, di cui due “foresti”. Come espressione di dieci partiti ci sembra assai poco. Non bastasse c’è un altro candidato (a Venezia)…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche PensieroLibero