VENEZUELA, HAUSMANN: «IL 10 GENNAIO MADURO DOVREBBE ESSERE CACCIATO»

di MARIETTO CERNEAZ L’economista venezuelano Ricardo Hausmann, che risiede negli Stati Uniti, ha elencato una serie di passi che il Venezuela dovrebbe compiere per uscire da quello che lui chiama “un incubo”. In questo senso, Hausmann sottolinea che per porre fine a “questo sogno orribile” che “noi venezuelani viviamo”, è necessario un coordinamento tra le forze democratiche venezuelane e la comunità internazionale. “Il 10 gennaio prossimo segnerà la fine del mandato del presidente Nicolas Maduro, che è iniziato con la sua elezione nel 2013. E ricorda che la seconda elezione di Maduro, tenutasi nel maggio 2018, non è riconosciuta dai principali governi mondiali, il che significa “che non riconoscono la legittimità della presidenza di Maduro oltre il 10 gennaio 2019”. Al contempo, l’economista sottolinea che il percorso interno al paese inizia con la risoluzione dei problemi interni all’Assemblea Nazionale, “l’impasse costituzionale che designa un nuovo governo provvisorio e un nuovo alto comando militare, in grado di organizzare il ritorno alla democrazia e porre fine alla…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo