VENEZUELA: O CAMBIA ADESSO O MAI PIÙ. OCCHIO ALL’INCOGNITA CUBANA

di CARLOS ALBERTO MONTANER Il destino del Venezuela è probabilmente nelle mani di Juan Guaidó. Si tratta di un deputato di 35 anni, legato a “Voluntad Popular”, un partito fondato da Leopoldo López. Ha ottenuto la presidenza dell’Assemblea Nazionale, che è qualcosa tipo vincere una lotteria. In qualità di presidente dell’Assemblea è diventato, di fatto, il presidente ad interim del Paese di fronte alla totale illegittimità di Nicolás Maduro. Il Venezuela, insomma, ha due presidenti. Uno legittimo e costituzionale, che è Juan Guaidó, e l’altro assolutamente fraudolento: Nicolás Maduro. In ogni caso, la Chiesa cattolica aveva tre papi contemporaneamente nel XIV secolo. Due sono stati dichiarati antipapa. Se così fosse, in futuro Maduro sarà dichiarato antipresidente. Chi conosce Guaidó mi dice che ha la maturità e il buon senso necessari per questo compito. In televisione da di sé una buona immagine. E’ sostenuto da Luis Almagro, Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani, 13 dei 14 paesi del Gruppo Lima (tranne l’ineffabile Messico dell’AMLO), María Corina…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo