CAPIRE IL KURDISTAN, RACCOLTA DI SCRITTI DI GIANNI SARTORI

di PAOLO L. BERNARDINI Promossa dal Centro Studi Dialogo, che ha in Gianluca Marchi uno degli animatori, ecco una bella pubblicazione che ci consente di capire quel che è stato, è, e forse sarà del Kurdistan, patria divisa (in quattro) della maggiore tra le “nazioni senza stato” del mondo (30 milioni di individui). Si tratta di una raccolta di articoli di Gianni Sartori, vicentino classe 1951, uno dei maggiori esperti italiani – ma forse europei – dei popoli senza stato, e della loro rivendicazione di “statualità”, spesso coronata di successo, molto più spesso ancora irrealizzata (come nel caso del Kurdistan, della Catalogna, della Scozia, per citare i casi che tengono desta l’attenzione del mondo). Autore tra l’altro di libri essenziali sui Paesi Baschi, la Catalogna, l’Irlanda, e anche di un interessante libro, “Ponti di roccia” (2000), che parla di tali strutture a Lumignano di Longare e non solo. Occorre, da principio, affermare che la prospettiva di Sartori non è liberale-classica o libertaria: in linea generale,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Indipendenze