lunedì, Agosto 15, 2022
30 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ecco il 192° segnale della ripresa: imu e tasi aumentate del 177% in 3 anni

Da leggere

euro-casadi LUIGI CORTINOVIS

Comunque la si giri e chiunque faccia i conti, le tasse sulla casa (nel quinquennio, nel decennio, nel biennio) sono sempre e comunque aumentate. In attesa della futura “Local Tax”, rinviata più volte per via degli arzigogoli contabili da cui il governo non riesce a trovare una via d’suscita, il Codacons ha dato alla stampa il suo ultimo comunicato, inerente le gabelle sull’abitazione.

Le tasse sulla casa, attualmente denominate Imu e Tasi, sono aumentate del 177% in 3 anni. A denunciarlo è stato il Codaconsall’indomani della promessa di Renzi di abolire le due imposte che compongono insieme alla Tari (la tassa sulla spazzatura) la Iuc. «Dal 2011 al 2014 gli italiani hanno dovuto sborsare 16 miliardi di euro in piu’a titolo di tasse sulle abitazioni di proprietà» è la denuncia del presidente dell’associazione dei consumatori, Carlo Rienzi. Dai 9 miliardi di euro pagati nel 2011 si è infatti arrivati ai circa 25 miliardi dello scorso anno d’imposta, il 2014.

Rienzi conclude la sua denuncia affermando che: «Sul banco degli imputati vi sono l’Imu e la Tasi, che hanno portato non solo ad una forte crescita della tassazione sulla casa, ma anche ad un maggior esborso a carico di chi possiede abitazioni di basso valore». Naturalmente tutto ciò ha portato anche a gravi conseguenza sulla compravendita degli immobili.

Ora, tutti si aspettano che le promesse di Renzi sull’abbassamento di queste imposte trovino un riscontro, ovvero quelle di abolire l’Imu e la Tasi. Chi visse sperando…

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti