MOUTIER, GLI AUTONOMISTI VOGLIONO SECEDERE DAL CANTON BERNA

di REDAZIONE

L’assemblea degli oltre 400 militanti filogiurassiani si è espressa a stragrande maggioranza in favore di questa opzione, rinunciando a ricorrere al Tribunale federale contro l’annullamento, lo scorso 29 agosto, del risultato del precedente referendum da parte dei giudici amministrativi cantonali.

La corte cantonale aveva infatti ravvisato irregolarità formali nel voto che aveva visto prevalere il 18 giugno 2017 gli autonomisti giurassiani che devono ora ripensare la loro strategia. I militanti convocati giovedì sera da “Moutier città giurassiana (MVJ)” si sono pronunciati – in 399 – a sostegno di una nuova consultazione popolare mentre un’esigua minoranza (18 persone) preferiva la via giudiziaria.

Potrebbero però esserci ancora delle sorprese. Laurent Coste, direttore della campagna di MVJ, ha infatti ricordato che la decisione dell’assemblea è solo una raccomandazione agli autori dei ricorsi alla corte bernese (Comune, comitato MVJ e privati). “Terranno conto del voto, ma non possiamo forzarli”, ha spiegato.

Ma è quasi certo che i potenziali ricorrenti aderiranno alle indicazioni del MVJ, per il quale è necessario votare nuovamente il più presto possibile e rinunciare al ricorso al TF perché quest’ultima opzione può rivelarsi molto lunga. Mentre in Italia persino l’autonomia è una farsa, in Svizzera passare da un cantone ad un altro è possibile. (TvSvizzera)

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Indipendenze