POTERE E FOLLIA: UN FILO ROSSO LEGA ONICHINI, MATTIELLI, DODDORE E STACCHIO

di ALESSANDRO MORANDINI Venerdì 5 luglio a Padova si è tenuta la manifestazione a sostegno di Walter Onichini. Trecento persone presenti, appassionati oratori sul palco, sentimenti di contenuta indignazione e di composta rabbia tra i presenti, qualche fuori programma (uno straniero ubriaco si è infilato nel gruppo ed è stato immediatamente cacciato, la polizia ha avuto da ridire perché si intralciava il traffico). Poi terminate le solite discussioni, i lamenti, gli slogan, le critiche, gli entusiasmi, tutti a casa ed Onichini e sua moglie Sara a ringraziare educatamente i presenti e gli assenti per la solidarietà dimostrata. Parole di fuoco tra gli oratori. “Ci dobbiamo ribellare” diceva uno; “Non possiamo più accettare” diceva un altro; accuse ai giudici, invocazioni all’unità del popolo veneto. Niente di nuovo, il solito repertorio da oratori indipendentisti: parole tanto giuste quanto inconcludenti (i presenti si chiedevano, sottovoce: “Ma se dobbiamo ribellarci perché quelli che salgono sul palco non organizzano una piccola, simbolica ribellione? Se non possiamo più accettare, perché accettiamo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero