QUELL’ERRORE GIGANTESCO, CON DANNI ANNESSI, DELLE QUARANTENE FORZATE

di MICHAEL BARONE La quarantena è stata un errore? A questa domanda, la risposta sembra essere sempre più sì. È stata sicuramente una novità. Come scrive il romanziere Lionel Shriver, “Mai prima d’ora abbiamo risposto al contagio chiudendo interi paesi”.  Come ho notato, l’influenza asiatica del 1957-58 ha ucciso tra i 70.000 e i 116.000 americani, tra lo 0,04 e lo 0,07% della popolazione della nazione. L’influenza di Hong Kong del 1968-70 ha ucciso circa 100.000 persone, lo 0,05% della popolazione. Il bilancio delle vittime del coronavirus negli Stati Uniti di 186.000 è lo 0,055% della popolazione attuale. Sarà più alto, ma ha all’incirca la stessa entità di quelle due influenze ed è stato meno mortale per gli under 65 rispetto all’influenza. Tuttavia, allora, non ci sono state chiusure in tutto lo stato; non ci sono state chiusure di scuole di massa; non ci sono state chiusure di uffici e fabbriche, ristoranti e musei. Nessuno ha considerato di chiudere Woodstock. Perché oggi gli atteggiamenti sono così diversi? Forse abbiamo più fiducia nell’efficacia del…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere