MERCATO? UNA REGOLA SEMPLICE PER UN MONDO COMPLESSO

di DON BOUDREAUX “Lascia che se ne occupi il mercato! Lascia che se ne occupi il mercato”! Non ti stanchi mai di ripetere sempre questa formula semplicistica”? Così si chiudeva la mail che ho ricevuto da un lettore. È vero che tutti quanti a volte siamo tentati di non approfondire le questioni complesse e cavarcela…

di LEONARDO FACCO* Il colpo di scena arrivò nel settembre del 1996, a Venezia. Il 15 settembre del 1996, Bossi dichiarò ufficialmente la “nascita della Padania”. Dopo essere stato a Pian del Re, sul Monviso, per riempire un’ampolla con l’acqua del “dio Po”, il “capo-druido” si presentò in laguna per festeggiare – con tanto di…

di GUGLIELMO PIOMBINI I giovani musulmani sono impazienti di sottomettere l’Europa, ma le loro azioni terroristiche sono un errore strategico, perché potrebbero suscitare la reazione degli europei (anche se finora non se ne vede traccia). Se gli islamisti non facessero nulla, l’Europa cadrebbe nelle loro mani come una pera matura grazie alla semplice sostituzione etnica…

di GIANFRANCESCO RUGGERI Che il declino della Lega Nord come partito indipendentista fosse destinato ad inanellare una serie di episodi ingloriosi era nell’aria, ma che fossero così tanti, così assurdi, così ridicoli e così miserevoli francamente non me lo aspettavo neppure io. Gli aspetti miserevoli sono già stati stigmatizzati proprio su queste pagine dal nostro…

di GIANLUCA MARCHI La questione settentrionale è più sentita di vent’anni fa, ma paradossalmente nella Lega sta vivendo il suo punto più basso. La Lega Padana e la Lega Nord non esistono più, oggi la Lega è il Partito personale di Salvini, che ha spostato l’asse politico del partito dal centro-destra a destra. Questi due…

QUEGLI ODIOSI MONOPOLI CONTRARI AI PRINCIPI DEL COMMERCIO

di BRUNO LEONI II monopolio imposto dal sovrano, o “monopolio legale” è l’unico tipo di monopolio definibile in modo rigoroso, e distinguibile in modo non equivoco da altri tipi di rapporto fra produttori e consumatori di beni. La lotta contro i monopoli è cominciata nell’età moderna come lotta contro il sovrano, o meglio contro gli…

di PASCAL SALIN La deregolamentazione (deregulation, ndr) non significa la scomparsa delle regole ma il passaggio da un ordine costruito ad un ordine spontaneo che implica, eventualmente, la creazione di regole nuove ed evolutive. Essa, evidentemente, non implica la deregolazione dei sistemi ma il passaggio da una deregolazione imperfetta (centralizzata) ad una regolazione più complessa…

di MATTEO CORSINI Nel dibattito in corso sul Sole 24Ore in merito ai pro e contro della permanenza dell’Italia nell’eurozona, i contributi di matrice keynesiana abbondano. Tra di essi, uno a firma di Jérôme Creel e Francesco Saraceno, entrambi docenti a Parigi (Saraceno anche alla LUISS di Roma). L’analisi parte deprecando, come sempre, la mancanza…

di LEONARDO FACCO Le tasse aumentano, la burocrazia s’ingigantisce ed è ormai incontrollata, i parassiti si moltiplicano, il debito pubblico cresce e fa segnare nuovi record, gli sprechi e le inefficienze pubbliche sono il vero fiore all’occhiello dell’Italia, i servizi sono sempre peggiori e si pagano anche due volte, tipo la sanità, visto che in…

IL PROTEZIONISMO DANNEGGIA LA SOCIETÀ NEL SUO COMPLESSO

di ANTONIO MARTINO In tempi recenti si è assistito ad una serie di affermazioni volte a fare risorgere un vecchio, malevolo mito: il protezionismo, la necessità cioè che i produttori nazionali debbano essere “protetti” dalla concorrenza (quasi sempre denunciata come “sleale”) dei produttori esteri. Le giustificazioni di questa tesi sono numerose: i produttori esteri praticano…

di PAOLO BERNARDINI Vi fu, ed è ancora viva, per fortuna, una tradizione di liberalismo italiano. Sembra banale ricordarlo, ma è bene farlo per ricordare anche che, non ostante abbia espresso con Luigi Einaudi addirittura un Presidente della Repubblica, tale posizione fu ed è minoritaria, e marginale. Ogni tanto resuscitano figure dimenticate o rammentate solo…

CONTRO GLI ASSUNTI FONDAMENTALI SU CUI SI REGGE LO STATO

di NICOLA IANNELLO Nella Social Statics emerge il pensiero politico più radicale di Spencer. Lo Stato è confinato rigorosamente alla sola funzione della protezione dei diritti degli individui, secondo la consueta articolazione dei compiti in difesa esterna, polizia e amministrazione della giustizia. Il radicalismo spenceriano sta nel fatto che lo Stato, per essere legittimo, può…

LE BASI ETICHE ED ECONOMICHE DEL DIRITTO DI PROPRIETÀ

di HENRY LEPAGE Per definizione, viviamo in un universo contrassegnato da una generale scarsità. Dal momento che ci si trova in una situazione di scarsità, si pone un problema: quello di arbitrare l’inevitabile competizione economica che gli uomini ingaggiano fra di loro per accedere al controllo e all’utilizzo delle risorse scarse. È precisamente compito del…

di GUGLIELMO PIOMBINI Incomprensione dell’azione umana Anche la sua impostazione macroeconomica lo porta a conclusioni fuorvianti. Nel libro il reddito e il capitale hanno sempre e solo l’aspetto di grandi aggregati numerici; la ricchezza non è mai “prodotta” o “guadagnata”, ma sempre e solo “ricevuta” o “redistribuita”; il capitale appare come una grande massa omogenea…

di GUGLIELMO PIOMBINI Un insolito best-seller I continui fallimenti del socialismo non sembrano aver sminuito la sua capacità di attrazione. Alcuni pensatori caduti in discredito negli anni Ottanta e Novanta sono tornati di moda, e oggi gli intellettuali più ascoltati fanno a gara nell’esaltare l’“attualità di Marx” o il “ritorno del Maestro” (Keynes). Si spiega…

di PAOLO L. BERNARDINI Omaggiando lavorando la Festa del Lavoro, questo paradosso nato da una cattiva, capziosa e statalistica interpretazione dei tragici fatti di Chicago dei primi di maggio del 1886, mi sono dedicato ad una delle costanti del mio pensiero, la tradizione liberale. Proprio sessanta anni fa, nel febbraio del 1957 (Rothbard_Memo_on_Catholicism_Protestantism&Capitalism) per la…

di WILHELM RÖPKE* Uno dei più pericolosi errori del nostro tempo è di credere che la libertà economica e la società che è basata su di essa non siano compatibili con le esigenze di un atteggiamento rigorosamente cristiano. Questa stravagante credenza è la causa di un fatto ben conosciuto, comune al vecchio e al nuovo…

di MATTEO CORSINI Quando si sente un dibattito tra esponenti politici sul tema dell’immigrazione, generalmente si contrappongono posizioni solidariste (coi soldi altrui) a oltranza a posizioni di chiusura delle frontiere. Il problema non è certo semplice da risolvere, ma credo che una solida tutela del diritto di proprietà privata contribuirebbe a migliorare le cose. Io…

di ENZO TRENTIN Se viene chiesto agli ambienti indipendentisti come sarà governata la loro autodeterminazione, quasi all’unanimità risponderanno: “Vogliamo un assetto istituzionale a prevalente democrazia diretta sul modello svizzero”. Poi, però, di azioni concrete in questa direzione non se ne troveranno. Il variegato mondo indipendentista – specialmente quello veneto – si distingue invece per la…

de IL POLENTONE Martedì scorso, la truppa italianista e centralista guidata da Matteo Salvini s’è data appuntamento in un palazzetto dello sport – gremito – a Verona. Un tripudio di italianità mascherata sotto qualche camicia verde impolverata e dietro le facce di tolla della dirigenza di un partito che da 30 anni vive di bugie,…

di ARTURO DOILO Abdon Alinovi è un politico novantaquattrenne, che è stato eletto nella I e II legislatura del Consiglio regionale della Campania, dove è rimasto dal 1970 al 1976, anno in cui è stato eletto alla Camera dove è poi rimasto per quattro Legislature, fino al 1992; permanenze che, a quanto si apprende, gli…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi