TENSIONE IN VENEZUELA, CONTINGENTI MILITARI RUSSI A CARACAS

di ARTURO DOILO La tensione politica tra Stati Uniti e Russia è stata acuita dall’influenza di Putin sul regime di Maduro e dal sostegno che quest’ultimo gli ha dato per mantenerlo al potere, mentre gli Stati Uniti hanno esercitato pressioni sul presidente venezuelano (leggasi sanzioni) con la speranza di arrivare ad soluzione pacifica, dopo che la crisi umanitaria in Venezuela ha cominciato a colpire i paesi della regione. L’amministrazione di Donald Trump ha chiarito in numerose occasioni che “tutte le opzioni sono sul tavolo”, chiarendo che non è escluso un intervento militare per porre fine al regime chavista. All’inizio di marzo, John Bolton, consigliere della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, ha sottolineato che gli Stati Uniti “non hanno paura di usare l’espressione dottrina Monroe”, facendo riferimento al principio del quinto presidente degli Stati Uniti, James Monroe, dove ha affermato che “l’America è degli americani”. Insomma, la sceltapolitica di Monroe riteneva che per evitare interferenze di altri continenti nelle Americhe, gli Stati Uniti dovrebbero intervenire…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo