VENETO, INDIPENDENZA, POTERE: CHI CONTROLLA I CONTROLLORI?

di ENZO TRENTIN A parer nostro è importante che gli indipendentisti (quelli autentici, s’intende!) interiorizzino che il potere sovrano è originario (non deriva da un altro potere), universale (le sue decisioni sono valide per tutti), esclusivo (è superiore a ogni altro potere) e inclusivo (cioè può intervenire in ogni ambito della vita sociale). Quando si parla di democrazia rappresentativa, dunque, si bestemmia se essa non è contro bilanciata dall’esercizio della democrazia diretta da parte del cosiddetto popolo ‘sovrano’. Ma c’è un’altra ragione per non accettare la democrazia rappresentativa: Quis custodiet ipsos custodes? ovvero “Chi controlla i controllori”? È una frase latina trovata nei lavori del poeta romano Giovenale (Satira VI, linee 347-8). Il contesto originale affronta il problema di garantire la fedeltà coniugale. Oggi è ormai di uso comune, più in generale per riferirsi al problema del controllo delle azioni delle persone in posizioni di potere, un argomento discusso da Platone nella «Repubblica». Infatti, come diavolo possono difendersi i comuni cittadini contro uno Stato in…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero