giovedì, Dicembre 9, 2021
0.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Puigdemont: fallita l’autonomia abbiamo pensato all’indipendenza

Da leggere

di REDAZIONE

Si considera un perseguitato o un condannato?

Sono un uomo libero: un cittadino europeo con tutti i miei diritti, senza un mandato di cattura internazionale. In passato un mandato c’era, ma la Spagna l’ha ritirato. Vivo ufficialmente in Belgio e mi muovo in vari paesi. Posso andare ovunque, eccetto che in Spagna.

Pensa che una Catalogna indipendente sarebbe migliore anche per quanti vogliono restare in Spagna?

Tutti cercano di costruire condizioni più adeguate per i propri cittadini. Anche la Spagna, immagino, vuole costruire condizioni migliori per tutti, ma penso che ci sia bisogno di separazione dei poteri, uguaglianza di fronte alla legge e rispetto dei diritti. Tutto quello che oggi non c’è.
Abbiamo capito che in Spagna non è possibile.

In cosa consiste l’identità catalana? È un problema di lingua, cultura, storia?

Innanzi tutto preferisco parlare di identità “al plurale”. Nel corso della nostra vita riceviamo un gran numero di influenze, che articolano le nostre identità. Quando però ci si mette dinanzi allo specchio, lì si riconosce la propria identità, ma per noi catalani non è un problema di suolo o sangue. Catalano è chi vuole essere catalano. È il risultato di una volontà. Nel nostro mondo l’identità può essere qualcosa che s’impone? Si può costringere qualcuno a essere spagnolo? Anche se qualcuno si sente catalano, oppure al tempo stesso catalano e romeno, come le mie figlie?

In che lingua pensa?

Evidentemente penso in catalano. È normale. Come molti catalani con origini diverse pensano in altra lingua. E d’altra parte le lingue sono momenti culturali e civili, sono indissociabili dalla civiltà.

Lei conosce cinque lingue e molto bene lo spagnolo…

Non solo io: è normale in Catalogna conoscere due o tre lingue. È vero che quanti ci avversano dicono che in Catalogna ci sarebbe una sorta di inimicizia per lo spagnolo, ma non è vero. Nell’ipotesi vi sia solo il 45% dei catalani che vuole andarsene, sarebbe comunque una grande realtà, a cui non si può rispondere con l’esercito e le prigioni.

Lei ha vissuto momenti duri e altri suoi amici situazioni ancora peggiori, poiché sono in prigione. Non era forse il caso essere più moderati?

La nostra battaglia non è mai stata, all’inizio, per l’indipendenza. Abbiamo tentato in tutti i modi di ottenere la salvaguardia delle nostre libertà dentro la Spagna, ma non ci siamo mai riusciti. Abbiamo cercato di lavorare per vivere da catalani in Spagna, proponendo un allargamento della nostra autonomia.

Come siete arrivati alla scelta indipendentista?

In Catalogna avevamo approvato una nuova legge di autonomia, approvata con 120 voti su 135. Fu un compromesso formidabile che arrivò nel 2006 al parlamento spagnolo, dove molto fu cambiato e alla fine però il testo fu approvato: infine l’80% dei catalani approvò il risultato del lavoro parlamentare. Ma la Corte Costituzionale – formata da nominati dalla maggioranza del Partido popular di José Aznar – ha bocciato tutto.
L’indipendentismo nasce tutto da lì.

Perché tanta opposizione di fronte a un compromesso volto a concedere autonomia ai catalani? Perché in Spagna c’è una storia tanto segnata da divisioni che si fa fatica a comporre?

La Spagna ha una lunga storia imperiale e coloniale. Oggi ha perso tutto, ma per lungo tempo ha controllato un’ampia parte del mondo. A Madrid ogni compromesso è visto come una debolezza. In Spagna c’è una vera difficoltà a dialogare, a confrontarsi, a trovare soluzioni di mediazione.
Non vogliamo cambiare paese: vogliamo cambiare epoca. In Spagna tutto è rigido e dogmatico.

Lei ha creduto che l’Europa sostenesse l’ipotesi di una Catalogna libera. Siete delusi? E se la Scozia dovesse votare per entrare in Europa dopo la Brexit, sarebbe trattata come la Catalogna è stata trattata?

Non sono euroscettico: sono euro-esigente. L’idea d’Europa è stata catturata da interessi nazionali che, ad esempio, danno credito a una Spagna che oggi m’impedisce di agire come eurodeputato. E se la Scozia volesse entrare in Europa, sono certo che Bruxelles deciderà di accogliere gli scozzesi, anche se la Spagna si opporrà, temendo un precedente. Il gruppo di eletti catalani al Parlamento europeo ha ricevuto più di un milione di voti, ma la Spagna pretende che io vada a prestare giuramento sulla costituzione spagnola.

Come andrà a finire il processo ai prigionieri politici catalani?

La sola soluzione giusta è l’assoluzione. Il codice penale ha escluso il referendum per l’indipendenza tra i crimini. Vanno assolti e liberati. Non sarà comunque la condanna di 12 persone, di cui 9 in prigione. È un’intera società che sarà condannata. Qui non è in gioco l’indipendenza catalana o l’unità spagnola: qui sono in gioco il diritto e la libertà.

TRATTO DA SANATZIONE.EU – A Cura di Carlo Lottieri

- Advertisement -

Correlati

3 COMMENTS

  1. Non serve criticare lo scorcio di storia che abbiamo vissuto, manganelli compresi.
    Non serve sminuire i tentativi descritti da quello che legittimamente per me rimane ancora il “President”.
    Serve capire che, se quest’impulso non ha funzionato, non si può ragionevolmente pensare che un bis della stessa stessa proposta istituzionale possa funzionare, salvo ovviamente una imprevedibile desistenza del regno.
    Il president non è libero, ma soggetto a violenza, che qualcono chiama giustizia. È esiliato ed impedito nell’esercizio della sua battaglia politica per delitti assurdi riconosciuti inconsistenti dai tribunali di altri stati.
    Chi sta in galera per gli stessi delitti merita rispetto.
    L’ingenuità della proposta bocciata dai manganelli e dalla violenza sistematica istituzionale forse lascerà il passo alla consapevolezza che la maggioranza qualificata dei catalani non era nella loro disponibilità. Qualche cosa, dopo il ripristino della libertà di chi è in ogni modo in catene, deve cambiare. Le maggioranze parlamentari non legittimano avventure a meno che non consideri la rappresentanza parlamentare come uno strumento di imposizione generalizzata dei legittimi desideri di una minoranza organizzata elettoralmente vincente. La società è più complessa ed articolata rispetto a un suo campione (presuntamente e presuntuosamente) rappresentativo.

  2. L’Europa non è un sodalizio tra stati; è invece un sodalizio tra governi.
    C’è evidentemente qualcuno che ancora non ci arriva.
    L’Europa dei popoli o delle nazioni, ancorché desiderabile, è ancora tutta da fare.
    Non esiste istituzione più fasulla del parlamento europeo, una vergognosa foglia di fico sulla realtà spacciata per conquista.
    I governi sono i padrini dell”Europa dei delle genti.
    Quando dico padrini proprio quelli dell’immaginario intendo.
    A fronte degli aspetti negativi della realtà istituzionale cogente, che vanno tenuti bene in primo piano, vi sono state ricadute positive sia intenzionali che inintenzionali.
    Sono queste ultime irrinunciabili scampoli di libertà. Su questi brandelli di stoffa l’Europa è tutta da fare perché i governi che puntellano le istituzioni europee attuali non hanno che un incentivo. Hanno bisogno di legittimare se stessi tra di loro e negli stati di provenienza. Non a caso aģregazioni governative particolari hanno luogo col fine di indirizzare e raddrizzare le controparti che vacillano o, a parer loro, intendono sottrarsi agli obblighi del sodalizio padrinale.

  3. Un ragionamento lineare che dovrebbe essere accolto in favore di tutti i popoli che aspirano ad affermarsi come tali nella propria terra, per la specificità di storia lingua costumi tradizioni che è criminale voler sopprimere per un sovranismo veramente fuori logica e assolutamente fuori tempo… dov’è andata a finire la letteratura e la cultura che si ispira da secoli ormai al diritto di essere quello che si è…cioè non schiavi di nessuno?
    La Catalogna non è la sola a combattere questa battaglia e l’Europa dovrebbe rendersi conto che ha senso innanzitutto se sostiene queste tesi per il benessere dei popoli che vivono nel suoi confini, prima ancora di occuparsi di monete e mercati che non subirebbero nessun danno se anche si raddoppiassero le Nazioni al suo interno…che sono vive e non ingessate come lo sono gli Stati attuali, usciti da pattuizioni postbelliche e sono, appunto, sono statici e mortificanti del senso di appartenenza ad un Popolo/Nazione di chi vi è radicato da secoli se non millenni..

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

Articoli recenti

error: Content is protected !!