di ROMANO BRACALINI  Diderot diceva che “l’Islam è nemico della ragione” e Voltaire scrisse una commedia per irridere al profeta Maometto. La satira è l’espressione più alta della libertà. In una società libera ed evoluta anche i sentimenti e le idee contrarie hanno diritto di cittadinanza, specialmente quelle contrarie. Ma qualcuno in Italia ha criticato…

di STEFANO CRIPPA I principi sono importanti nella vita di ogni individuo e ogni società, intesa come insieme di individui, ha i suoi mediamente riconosciuti da tutti; l’Occidente non è differente in questo. Questi principi sono il nostro humus culturale, sono la nostra fonte di ispirazione, sono quei limiti invalicabili che se superati ci conducono…

IL POTERE DI PUTIN FRA HITLER E STALIN

di SERGIO SALVI Da quasi tre decenni, ormai, il “comunismo” ha cessato di essere operativo a livello internazionale. Non è nemmeno più descrivibile come qualcosa di compatto e unitario nell’ideologia e nella prassi. Sopravvive, come nome, soltanto in Cina, nel Vietnam, a Cuba, nella Corea del Nord e in poche altre pallidissime imitazioni statuali, mescolato…

di GIANFRANCESCO RUGGERI Giorni fa ero in un parcheggio pieno di auto alla disperata ricerca di un posto, ero in ritardo, mi aspettavano e non c’era un buco neppure a pagarlo oro, poi all’improvviso scorgo uno spiraglio nell’interminabile fila di auto, mi ci fiondo e con grande delusione vedo le strisce gialle del posto riservato…

di MAURO MARABINI “Il Complesso dell’Occidente, piccolo trattato di decolpevolizzazione”: cerchiamo così di tradurre il titolo di un saggio recentemente apparso in Francia dal titolo: “Le complexe occidental, petit traité de déculpabilisation”. Editions du Toucan. L’autore è Alexandre DEL VALLE, intellettuale francese, anticonformista, politicamente scorretto, di lontane ascendenze italiche, insegnante e professore di scienze politiche…

di ROMANO BRACALINI Non solo in Calabria e Sicilia il personale pubblico è in esubero rispetto al Nord, (tranne che sul posto effettivo di lavoro), e i forestali calabresi costituiscono da sempre un argomento di pubblico divertimento, ma è il costo complessivo di politici, funzionari, impiegati meridionali a superare di gran lunga la spesa occorrente…

di FABRIZIO DAL COL Nella Ue, da qualche mese a questa parte, si sta lavorando solo per giustificare la deflazione Europea, che a loro dire avrebbe un solo colpevole: il petrolio. Poveri imbecilli, nemmeno i ragazzini avrebbero il coraggio di giustificarsi con scuse così patetiche. Scaricare sull’oro nero gli errori fin qui commessi dall’Unione Europea…

di GILBERTO ONETO Visto che oggi c’è chi festeggia i 218 anni della bandiera tricolore, riproponiamo un articolo che offre un punto diverso sulla questione. Secondo la storia patria “ufficiale”, il tricolore italiano ha compiuto 218 anni e ci siamo subiti le omelie “napolitane” sulla sacralità del feticcio e sul suo salvifico ruolo di totem…

di ENZO TRENTIN Da qualche decennio sono presenti, in Italia, alcuni personaggi che definire politici appare improprio. Questo naturalmente se per politico s’intende un soggetto che progetta e realizza soluzioni a problemi odierni che influenzano positivamente anche le future generazioni. Chi si comporta in tal modo è anche definito statista. Nulla a che vedere con…

di LEONARDO FACCO Il governo in carica – che nessuno ha eletto, giusto per ricordare ai democratici cos’è la democrazia  – ha deciso di depenalizzare una montagna di reati. (VEDI QUI L’ELENCO). Tra questi, ce ne erano anche alcuni relativi al maltrattamento di animali. Scrivo erano, in quanto l’intervento indignato di Michela Brambilla (ed altri…

di FABRIZIO DAL COL Secondo un recente sondaggio di Demos & P, un italiano su tre è favorevole all’indipendenza della propria Regione e alla scissione dallo Stato italiano. Il numero d’indipendentisti sale fino al 53% in Veneto, ma aumenta anche nelle regioni centrali e nelle isole. Massimo Cacciari, che personalmente seguo da anni, è sempre…

LA LIBERTÀ INIZIA DOVE FINISCE L’IGNORANZA

di ENZO TRENTIN Sosteneva Victor Hugo: «la libertà inizia dove finisce l’ignoranza». Una riflessione più che mai valida per quegli indipendentisti che guardassero al mondo delle associazioni d’arma: bersaglieri, alpini, marinai, eccetera. Dal 1° gennaio 2005 è stato sospeso il servizio militare obbligatorio con la Legge 23.08.2004 n° 226. Prima di allora chi faceva il…

di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI Dagli anni  ’40 ad oggi, in Italia si sono susseguite all’incirca tre generazioni. Prima Generazione. E’ quella che ha fatto la guerra e che ha prodotto il “miracolo economico” a soli cinque anni dalla fine. Seconda Generazione. E’ quella che ha prodotto la contestazione di tutto e di tutti trovando…

di STEFANO SPAGOCCI In un recente articolo di Mauro Marabini, comparso su questo giornale, si sostiene che, nonostante tutto, esista una forte identità italiana. Tale identità sarebbe il riflesso (mi permetto di parafrasare) di un’Italia profonda, esistente nonostante lo stato italiano. L’unità italiana avrebbe nociuto a tale profonda identità e (credo di capire) la ricomposizione…

di FABRIZIO DAL COL Salvini ha trasformato la politica in matematica: rinnegando il passato indipendentista, ha sostituito i tradizionali voti della Lega con quelli che Bruno Vespa nel suo libro definisce ‘voltagabbana’. Nella sostanza non cambia poi molto, ma se da un lato ha allargato ‘la base imponibile’ del partito, dall’altro dovrà prepararsi a gestire…

di ALESSANDRO MORANDINI La non-violenza è diventata un imperativo, la priorità di ogni buon cittadino occidentale. Qualunque sia l’obiettivo che un gruppo sociale dichiara di voler raggiungere, agenti individuali che ricorrono a qualche forma di violenza non solo saranno sanzionati dallo stato, ma probabilmente anche  biasimati dalla cosiddetta società civile. E’ indispensabile, soprattutto nel mondo…

di FABRIZIO DAL COL Complimenti  a  Renzi, è riuscito la ‘dove osano le aquile’. Con le finte riforme, e l’ambizione di conseguire in poco tempo quel riconoscimento di Statista che un tempo fu di Alcide De Gasperi, senza nemmeno rendersi conto, è riuscito nella titanica impresa di inventarsi quegli sgorbi amministrativi e quei decreti legislativi…

di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI Da qualche decennio gli intellettuali imperversano, con particolare intensità, specie in Italia. Non c’è riunione pubblica in cui non venga insistentemente invitato uno di loro perché faccia sentire le sue auliche parole. E pensare che, forse, sono proprio loro uno dei principali fattori della decadenza del paese. Basta che tu…

di ENZO TRENTIN Forse i lettori ricorderanno quando Indro Montanelli scrisse: «Turatevi il naso e votate Dc». Accadde alla vigilia delle elezioni politiche del 1976. Erano quelle del sorpasso, temuto o sperato, che il Pci avrebbe compiuto sulla Balena democristiana. Turarsi il naso e votare divenne un obbligo per chi non voleva la vittoria delle…

di FABRIZIO DAL COL Dopo la defenestrazione dei suoi tre predecessori, Berlusconi, Monti, e Letta, ovvero quei tre premier che politicamente rappresentavano la destra, il centro e la sinistra, il rottamatore Renzi ora capisce che è arrivato anche il suo momento. Infatti, dopo aver torturato gli italiani promettendo di tutto e di più, si rende…

di ROMANO BRACALINI C’è al Sud il riflesso psicologico del debole che dopo essersi atteggiato a vittima sale con mossa astuta sul carro del vincitore.Successe con la guerra piemontese del 1861,con interi villaggi bruciati e i cafoni fucilati sulla base di un semplice sospetto. Ma nel 1946,quando il Sud poteva vendicarsi della monarchia sabauda che…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi