SOLO INDIPENDENZA! CARI INDUSTRIALI IL FEDERALISMO È UNA PRESA IN GIRO

noivenetoindipendentedi RUGGERO ZIGLIOTTO*

Sul Giornale di Vicenza di domenica 28 settembre, alcuni rappresentanti (ma non tutti) di categorie economiche, prendono posizione contro l’indipendenza del Veneto definendola addirittura una presa in giro per i veneti auspicando improbabili riforme di tipo federalista. Viene da chiedersi come possano davvero rappresentare questi signori le reali esigenze dei loro associati. Viene da chiedersi se questi signori si rendano conto davvero in che situazione il comparto economico VENETO stia versando.

Mi rendo conto che è difficile contrastare simili affermazioni senza cadere nella maleducazione ma, quando si parla di “sistema” purtroppo tali affermazioni confermano come anche il comparto associativo, sia appunto e purtroppo COLLATERALE al sistema stesso e che cerca disperatamente di giustificare aldilà di ogni ragionevole logica, confronto e ragionamento. L’italia signori di Confindustria, Confartigianato e Confcommercio è finita, se mai è esistita. Siete voi che state prendendo in giro i vostri associati cercando di convincerli che la situazione possa migliorare.

Il compito delle associazioni dovrebbe essere prima di tutto sindacale e fare sindacato significa rappresentare interessi di chi, pagando una tessera, permette prima di tutto la sopravvivenza delle stesse associazioni. Ora il paradosso è che chi vive di servizi e tesseramenti dei propri soci, si pone come interlocutore a difesa di un governo che sta letteralmente massacrando i propri associati. Signori Zuccato, Sbalchiero e Zanon dovete decidere da che parte stare, e avere il coraggio di chiedere ai vostri associati come la pensano realmente rispetto a soluzioni che a nostro avviso potrebbero risolvere i loro problemi. Parlate di federalismo, ma sapete di cosa state parlando? Ancora non vi basta vedere come la stessa Lega Nord in 30 anni di lotta e di governo non ha portato a casa un fico secco? Sapete come funziona un sistema parlamentare centralistico?

Con quali numeri pensate di portare a casa autonomie e federalismo, sapendo che in democrazia i numeri appunto danno per SCONTATO che MAI il parlamento romano accetterà di perdere il residuo fiscale che i “mussi” Veneti producono? Perché continuate a promettere cose che non potranno mai avvenire? L’indipendenza al contrario è un processo sociale che NON passa per le segreterie dei partiti rappresentati a Roma, ma si ottiene attraverso un REFERENDUM che il Diritto Internazionale (e quindi sovra-nazionale e quindi sovra-costituzionale) ci garantisce. Mi rendo conto che per voi signori abituati ad omaggiare per essere omaggiati in nome di una rappresentanza che ormai la storia non vi riconosce più, siate abbarbicati a rendite di posizione che la vostra stessa base associativa ormai mette in discussione, ma prego la vostra onestà intellettuale di fare almeno uno sforzo di comprensione se non di condivisione verso un modo diverso di interpretare il corso storico di questi tempi. Il referendum Scozzese è li a dimostrarvi che la volontà del popolo è SOVRANA, poi logiche di convenienza e d’identità individuale faranno decidere verso il SI o il NO.

La Scozia subalterna nei confronti del governo di Londra in termini economici, pur avendo una forte identità, ha fatto la sua scelta, come è giusto che sia, la Catalogna, anche se il governo di Madrid al pari di quello di Roma si rifiuta di accettarlo, il 9 Novembre chiederà al suo popolo se ritiene di appartenere alla comunità spagnola o se deciderà il proprio destino come Stato Indipendente. L’articolo del giornale parla di “convenienze” ad essere sistema italia, ma credo che anche un ragioniere neo diplomato ormai abbia compreso come il sistema economico italiano non sia più in grado di sostenere una situazione che crea debito pubblico e suicidi economici e purtroppo anche fisici, anno dopo anno e governo dopo governo, sia esso di destra o di sinistra, votato dal popolo o NON votato come gli ultimi tre, rendendo così la situazione ancora più paradossale, ma almeno voi che siete una rappresentanza economica sganciatevi dalle logiche partitocratiche, il corso della storia potrete al massimo rallentarlo, ma verrete travolti da quel processo storico che noi riteniamo ineluttabile che si chiama INDIPENDENZA e se avrete il coraggio del confronto saremo lieti di potervelo dimostrare. Chissà se accadrà mai, giusto comunque provarci, la “sfida” è lanciata credo sia “intelligente” raccoglierla, ve lo chiedono i Veneti imprenditori che avete l’onere e l’onore di rappresentare.

*NOI VENETO INDIPENDENTE

Rubriche Indipendenze