CECCHETTI DA BARCELLONA: REFERENDUM PER L’AUTONOMIA ANCHE IN LOMBARDIA

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

CONSIGLIO REGIONALEQuando l’80% dei cittadini che va a votare si esprime per l’indipendenza, c’è poco da fare: come nei divorzi si tratta in maniera civile e rispettosa, ma ognuno poi deve andare per la sua strada. Stare insieme per forza è solo un danno”.  Così il Vicepresidente del Consiglio regionale Fabrizio Cecchetti (Lega Nord) commenta da Barcellona il risultato del voto di ieri in Catalogna che ha visto 2 milioni e 305 mila cittadini mettersi in coda davanti alle scuole per reclamare l’indipendenza della regione dalla Spagna . “Come si pensava – ha aggiunto Cecchetti  che nella giornata di ieri ha visitato alcuni seggi della capitale catalana durante le votazioni– i mancati timbri e gli sgambetti di Madrid non  hanno fermato la volontà popolare. Si potrà discutere all’infinito  e dire  che quello di ieri non era un referendum e non  aveva valore legale. Ma intanto il risultato e la partecipazione sono un botto e urlano più delle burocrazie mobilitate invano per cercare di frenare e far naufragare la consultazione. Mi auguro che anche da noi molto presto si superino tra alcune forze politiche i dubbi e le paure di chiedere anche ai lombardi di esprimersi sul loro futuro e sulla volontà che la Lombardia possa intraprendere una strada autonoma e smarcarsi da Roma che continua a scambiarci per un suo bancomat. Il voto – ha detto ancora Cecchetti – è democrazia e della democrazia non bisogna avere paura. Alla fine decide sempre il popolo”.

 

Rubriche Indipendenze